Qwant: il nuovo motore di ricerca che “sfida” Google

Data articolo: 5 11 2015

Qwant: il nuovo motore di ricerca che “sfida” Google

Si definisce nel suo slogan “polemico”: ”

Il motore di ricerca che rispetta la tua privacy”

🙂

Un chiaro riferimento a Google che da anni colleziona i nostri dati: ovviamente per poterci offrire la best experience nella ricerca, ovvio.

Qwant invece dice: “Qwant’s philosophy is based on two principles: no user tracking and no filter bubble.”

Sostengono di non utilizziare i cookie o altre strategie pubblicitarie  (ad es pixel, fingerprints) mentre si sta navigando il sito. Le uniche info che salvano sono: le impostazioni del browser (la lingua, il SafeSearch e opzioni Favicon) e solo per la durata della sessione di navigazione.

 

Qwant è stato lanciato in Francia nel febbraio 2013 e continua a crescere e innovare. Con un’ interfaccia mobile friendly ci è sembrato MOLTO “social oriented”: se provate infatti a digitare il Vostro nome compaiono immagini e testi che si riferiscono molto ai social: presi da Pinterest, da Twitter e ovviamente da Facebook nel nostro caso.

La ricerca è suddivisa per categorie in modo simile  a Google : Web, Novità, Social, Immagini, Video, Acquisti (vedi immagine a sinistra).

 

Per la fine di marzo del 2016 è previsto il lancio in Italia. Nel frattempo un’anteprima dei risultati che trova cercando NETHICS:

https://boards.qwant.com/user/Nethics

 

Cercando Nethics su Qwant

 

 

 

 

 

 

Per rimanere aggiornati iscrivetevi alla nostra newsletter