Le linee guida di Google: alcuni consigli per il SEO – I parte

Data articolo: 4 11 2015

Le linee guida di Google: alcuni consigli per il SEO – I parte

 

Le linee guida per i webmaster di Google sono un insieme di pratiche suggerite fornite da Google. Sono tutte pubbliche e tradotte generalmente anche in lingua italiana:

Esse sono fatte di

  • istruzioni tecniche
  • istruzioni sulla struttura e i contenuti
  • Norme sulla qualità”, che descrivono le pratiche illecite che non devono essere fatte pena la rimozione del sito dall’indice di Google.

Ecco uno dei link diretti: https://support.google.com/webmasters/answer/35769

In questo blog e nei prossimi articoli, Nethics analizzerà nel dettaglio queste 3 raccomandazioni, cercando di fornirvi preziosi consigli non necessariamente “troppo tecnici”:

 

Gerarchia chiara e link testuali

Creare un sito  con una chiara gerarchia e link semplici: ogni pagina deve essere SEMPRE raggiungibile da almeno un link statico e non deve essere necessario un numero di click elevato per raggiungere l’informazione.

 Tag ALT

I Tag ALT servono per dare un testo alternativo a un’immagine. Sono un modo di “descrivere” un’immagine per coloro che non possono vedere l’immagine: anche i Crawler dei motori di ricerca utilizzano i tag ALT per decifrare ciò che un’immagine è o che cosa sta rappresentando.

Se si dispone di immagini sulle vostre pagine web che non sono descritte da un tag ALT il codice HTML non è valido e non si stanno  seguendo questo le linee guida per i webmaster di Google.

Consigliamo pertanto di:

  • assegnare alle immagini nomi file dettagliati e informativi (Ad esempio,il-mio-sito-web.jpg è un nome molto più informativo di JPG)
  • Inserire un commento breve all’immagine mediante il Tag Alt (con CMS come WordPress c’è l’apposito spazio)
  • Inserire troppe parole chiave nel testo alternativo (“Uso di parole chiave in eccesso”) riduce la qualità del servizio fornito

Ecco come viene visualizzato dal codice:

Visualizzazione non ideale:

<img src=”IMG00035.jpg” alt=””/>

Visualizzazione migliore:

<img src=”il-miosito-web.jpg” alt=”Cattura schermo del sito web”/>

 

Meta Tag Title

I titoli sono la prima cosa che una persona vede sul tuo sito nei risultati di ricerca di Google.

 

  • Il titolo viene visualizzato nei risultati dei motori di ricerca.
  • Il titolo viene visualizzata in “schede” dei browser web.
  • Il titolo viene visualizzato come il titolo in azioni di social media.

 

I due errori più comuni commessi dai webmaster sono:

  • Pagina del loro sito web con lo stesso titolo (duplicate)
  • Elenco di parole anziché descrivere con precisione pagina

Dove vedo il TAG title?

Nel codice della pagina stessa (Ctrl+U)

<title> Il titolo va qui </ title>

Abbiamo già descritto questo tema sul nostro blog al quale Vi invitiamo per riferimenti: https://www.nethics.it/come-inserire-i-meta-tag-sul-sito/

 

Site:www.nethics.it

Andare in Google e controllare come indicizza le pagine del nostro sito digitando

Site: www.yourwebsite.com

Questo è un modo utile e veloce per determinare se i titoli sono unici.

codice Google: site

 

 

Mappa del sito

Dare agli utenti una mappa del sito, ossia una pagina che elenchi tutti i collegamenti e i contenuti per aiutare i visitatori ad esplorare il tuo sito web

La mappa del sito per gli utenti è diversa dalla Sitemap XML che serve per i motori di ricerca.

 

Cloaking

Il cloaking è la pratica di presentare agli utenti umani contenuti o URL diversi da quelli presentati ai motori di ricerca.

 

Non utilizzare testi o link nascosti

Utilizzare testo nascosto o link alle    pagine web viene facilmente rilevato da Google

Ad esempio:

  • Utilizzare testo bianco su uno sfondo bianco.
  • Insererire testo dietro un’immagine.
  • Utilizzare CSS per posizionare del testo fuori dello schermo.
  • Impostare le dimensioni di carattere su 0.
  • Usare font piccolissimi per mascherare link

 

Evitare pagine doorway

Pagine doorway sono pagine web che vengono “ottimizzate” per particolari frasi chiave e esistono solo con lo scopo di catturare query specifiche

 

Verificare i broken link

Verificare con strumenti automatici se esistono link non funzionanti : consigliamo inoltre di utilizzare strumenti che facciano la scansione periodica e inviino report automatici. Infatti i siti cambiano e ciò che oggi è un link corretto potrebbe domani non esserlo.

Strumento wordpress per testare i broken link

 

 

Altri consigli:

  • NON generare contenuti automaticamente
  • Non confondere Googlebot con id di sessione e di altri metodi di monitoraggio.
  • Scegliere le parole con saggezza
  • Pensate alle parole che gli utenti potrebbero digitare per trovare le tue pagine
  • Non abusare di rich snippet
  • Utilizzare la giusta quantità di link

Per oggi ci fermiamo qui ma Vi rimandiamo alle prossime puntate su COME OTTIMIZZARE IL PROPRIO SITO WEB PER INDICIZZARLO BENE SU GOOGLE

 

 

 

Per rimanere aggiornati iscrivetevi alla nostra newsletter