IMAP o POP3?

Data articolo: 29 07 2015

IMAP o POP3?

Cosa sono questi Protocolli?

Ogni giorno molte persone scrivono, controllano e cancellano email dalla loro casella di Posta da computer, tablet o cellulare. Quando si configura la ricezione di e-mail da un client di Posta Elettronica (come Outlook,Thunderbird..) ci viene chiesto se configurare come protocollo della posta in arrivo, IMAP o POP3.

Ma cosa sono questi protocolli? Quali sono i vantaggi?

Il protocollo POP3 significa Post Office Protocol ed è quello più diffuso, più semplice e anche quello più vecchio (è stato creato nel 1984).

È stato progettato per scaricare i messaggi di posta elettronica da un server remoto.

In poche parole, usando questo protocollo il programma si connette al server, scarica la posta sul computer, cancella i messaggi e si disconnette.

Il protocollo POP3 continua quindi ad immagazzinare sul server i messaggi fino al momento in cui l’utente non li scarica sul proprio computer.
Le versioni più recenti permettono di mantenere i messaggi sul server anche  dopo lo scaricamento; resta comunque non possibile la creazione di cartelle dalla Inbox.

I vantaggi del POP3 sono:

  • I messaggi vengono scaricati nel computer locale, rendendo più facile la lettura  offline e liberando lo spazio occupato sul server di posta.
  • Inoltre, è possibile decidere se conservare copie dei messaggi sul server.

Gli svantaggi del POP3 sono:

  • Ogni volta che ci si connette al server, vengono scaricati tutti i nuovi messaggi  (con possibili problemi nel caso di messaggi pesanti e connessioni lente).
  • Se si utilizzano più computer, i messaggi possono essere scaricati in uno o nell’altro, ma non in entrambi.
  • POP3 quindi non funziona molto bene con una connessione lenta.

Il protocollo IMAP significa Interactive Mail Access Protocol ed è quello più nuovo, con più caratteristiche e quello più complesso (infatti non tutte le caselle di posta elettronica e client email lo supportano).

È stato progettato per consentire l’accesso remoto ai messaggi memorizzati su un server remoto.

In poche parole, usando questo protocollo il programma si connette al server di posta, richiede il contenuto dei nuovi messaggi e li presenta salvandoli nella cache.

Se l’utente legge il messaggio, lo modifica o la segna come letto, tali modifiche vengono recepite anche a livello server.

Il Protocollo IMAP permette all’utente di controllare i messaggi presenti  nella casella e decidere di quali scaricarne anche il contenuto (utile per chi si connette con collegamenti lenti).

Permette anche di creare sotto-cartelle in cui andare a immagazzinare la posta archiviata, separandola così dalla Inbox.

I vantaggi del  IMAP sono:

  • I messaggi rimangono sul server, salvando spazio sul computer.
  • Si può accedere alla propria posta da locazioni diverse.
  • Si scaricano inizialmente solo le intestazioni dei messaggi (poco pesanti), ed è poi possibile decidere di quali scaricare anche il contenuto (in modo che sia consultabile anche offline).

Gli svantaggi del  IMAP sono:

  • I messaggi rimangono sul server, creando problemi di raggiungimento della quota disco (casella di posta piena).

Per entrambi i protocolli esistono le versioni sicure (SSL) che garantiscono lo scambio di dati in modalità sicura (crittografato) tra client e server.

 

 

Per rimanere aggiornati iscrivetevi alla nostra newsletter