Errori dal server 3xx e 4xx: cosa indicano?

Data articolo: 15 07 2016

Errori dal server 3xx e 4xx: cosa indicano?

Navigando online potrebbe capitarci di incorrere in alcuni messaggi di errore da parte del server. I più comuni sono i messaggi di errore identificati dai codici 3xx e 4xx: ma cosa significano e cosa comportano?

 

Errori 3xx

Si tratta di messaggi di redirezione: per poter completare la richiesta, il server deve effettuare altre operazioni.

  • 300: la pagina web richiesta è stata spostata. L’utente ha la possibilità di scegliere fra una serie di pagine quella che ritiene essere più opportuna.
  • 301: la pagina richiesta è stata spostata in modo definitivo. Tutte le richieste devono essere indirizzate verso un’altra URL.
  • 302: la pagina è stata spostata temporaneamente. La risposta dal server indica dove trovare la pagina richiesta e il browser apre la nuova URL.
  • 303: il server ritiene che la pagina richiesta sia disponibile, ma attraverso un’altra URL. Questo messaggio non indica necessariamente che la pagina sia stata spostata, ma solo che è possibile trovare la pagina.
  • 304: quando viene richiesta una pagina già visitata, il server comunica attraverso il messaggio 304 se è disponibile una versione più recente della pagina. In caso affermativo il browser la riscarica.
  • 305: il server comunica che la pagina richiesta è disponibile solo passando attraverso un’altra URL o attraverso un proxy. I browser Internet Explorer e Firefox  non gestiscono questo messaggio per questioni di sicurezza.

 

Errori 4xx

Si tratta di messaggi inviati dal server in merito a richieste che non possono essere completate in quanto sintatticamente scorrette.

  • 400: il server non è in grado di interpretare la richiesta effettuata perchè il flusso di dati inviato dal client non rispetta completamente il protocollo HTTP.
  • 401: il server non concede l’accesso alla pagina in quanto è prevista un’autenticazione che è stata eseguita in modo errato.
  • 403: il server riconosce la richiesta effettuata dal client ma per qualche motivo, non identificato, la respinge: equivale a un generico “no” dal server.
  • 404: il browser non è in grado di trovare la pagina richiesta. Si verifica nel caso in cui una pagina sia stata spostata sul server oppure quando l’URL viene scritta in modo errato.
  • 405: richiesta eseguita usando un metodo non permesso (per esempio GET o POST).
  • 408: il server termina la connessione in quanto è scaduto il tempo concesso per l’invio della richiesta.
  • 410: la pagina richiesta non è più disponibile e non lo sarà più in futuro.
  • 414: l’URL inserita è troppo grande per essere gestita correttamente dal server.
  • 422: il server comprende la richiesta ma non è in grado di gestire le istruzioni inviate all’interno della richiesta stessa.
  • 451: accesso alla pagina limitato per ragioni legali (per esempio censura o mandati governativi).

 

 

Per rimanere aggiornati iscrivetevi alla nostra newsletter