• Italiano
  • English

Sito web aziendale: gli obblighi dell’art. 2250 del Codice Civile

Data articolo: 29 05 2015

Sito web aziendale: gli obblighi dell’art. 2250 del Codice Civile

Dati societari obbligatori nel sito internet e nelle e-mail (art. 2250 c.c. e legge comunitaria 2008)
Si ricorda che le informazioni minimali da indicare sono diverse a seconda della natura giuridica della società.

****************************************************

Per ditte individuali e società di persone, rimane il semplice obbligo di indicare il numero di partita IVA almeno nella home page del sito internet della società (art. 35 del D.P.R. 633/1972).

Le stesse società di persone e società semplici devono invece indicare negli atti e nella corrispondenza (e anche fatture e DDT):

  • denominazione (ragione sociale) ;
  • sede della società ;
  • codice fiscale e partita IVA;
  • ufficio del Registro delle Imprese presso la quale risulta iscritta ed il relativo numero di iscrizione ;
  • eventuale stato di liquidazione della società ;

****************************************************

Le società di capitali (s.p.a., s.r.l. e s.a.p.a.) devono indicare negli atti e nella corrispondenza (comprese fatture e DDT) e anche nel sito web ed e-mail, e in tutti gli altri luoghi virtuali di comunicazione, ivi compresi
i profili delle societa` sui social networks:

  • denominazione (ragione sociale);
  • sede della società ;
  • codice fiscale e partita IVA;
  • ufficio del Registro delle Imprese presso la quale risulta iscritta ed il relativo numero di iscrizione;
  • capitale sociale indicandone la misura effettivamente versata come risultante dall’ultimo bilancio;
  • eventuale stato di liquidazione della società;
  • eventuale stato di società unipersonale;

****************************************************
In caso di omessa pubblicazione delle informazioni legali richieste negli atti, nella corrispondenza, e nel sito web della società, si applicano le sanzioni già previste dall’art. 2630 C.C. per l’omessa o ritardata pubblicazione di atti al registro delle imprese, con un minimo di euro 206 ad un massimo di euro 2.065 per ogni amministratore.

Per rimanere aggiornati iscrivetevi alla nostra newsletter